[angolo toelette] Ringana cosmesi { preview }

2 comments
Okay, okay: sono fuori tempo massimo. Mi cospargo il capo di cenere per gli arretrati che devo alle aziende ma, parzialmente, non è solo colpa mia: la linea telefonica continua ad essere latitante e vi assicuro che fare una review, ma anche scrivere un semplice Ciao! sul blog utilizzando la connessione a scrocco del vicino, seduta in un angolino della mia freddissima cucina, è veramente difficile. Il secondo motivo per cui è da un po' che non esprimo i miei altissimi e indispensabili (già già) pareri è che, per farmi un'opinione dei prodotti che provo devo, necessariamente, provarli. E non una volta, ma per un tempo che mi consenta di non buttare giù frasi a caso (che è il nuovo sport nazionale italiano), ma che abbiano un minimo di senso compiuto e sopratutto contengano - se non La Verità Suprema - una attinenza con lo scopo di questo blog che è sempre, e comunque, quello di offrire a chi ci legge un servizio utile. Terminata l'excusatio non petita, entro nel merito di questa tanto attesa (da me eh, sia chiaro) recensione dei cosmetici Ringana e subito vi anticipo che, nonostante i fiumidiparole di jalissiana memoria che seguiranno, io purtroppo un'idea precisa su questi prodotti ancora non ce l'ho.


E' da un bel po' infatti che mi rigiro tra le mani i campioni (carinissimi veh) che questa azienda austriaca mi ha inviato una ventina di giorni fa, di cui mi aveva colpito - in primis - il logo e la filosofia che celava: quella di offrire ai propri clienti una cosmesi fresca, naturale ed efficace. Tre parole che, per ogni beauty blogger che si rispetti, sopratutto se recentemente introdotta al favoloso mondo della biocosmesi, suonano un po' come il richiamo delle Sirene per Ulisse.

Perciò, quando mi arriva il Sample Kit della Ringana (un set con quattro prodotti diversi per la cura del viso), io sono una donna molto contenta. Il mio kit è quello specifico per pelli normali e miste (ma ce ne sono di specifici per ogni esigenza) e contiene:
- latte detergente (15 ml) per la pulizia delicata del viso e del contorno occhi
- tonico viso delicato S (15 ml) per la detersione
- siero idratante (10 ml)
- concentrato crema 2 (5 ml)

Il costo del kit con taglie normali è di 110 euro (non esattamente alla portata di tutti ... ): qui la scheda.
Tre sono le cose che faccio di solito quando ricevo da un'azienda dei prodotti da testare: 
1. andare a spulciare sul sito della stessa, per farmi un'idea 
2. cercare su internet pareri vari ed eventuali, altre review, opinioni etctectetc.
3. farmi un'opinione personale testando il prodotto.

Il primo step - spulciare sul sito della Ringana - mi restituisce il seguente quadretto bucolico: l'azienda ha deciso di utilizzare solo ingredienti naturali, no conservanti, no coloranti, no profumi, no solventi, no stabilizzatori e olii minerali ed è per questo che i suoi cosmetici hanno una scadenza a breve termine. Bene, mi dico. 

Questa storia della cosmesi fresca è certamente attraente: mi piace un prodotto che esprime a pieno il concetto dello spignatto, seppure realizzato a livello industriale, che viene spedito direttamente ai consumatori evitando così la lunga filiera di stoccaggio e vendita tipico della grande distribuzione. Ciò è buono, ciò è bello. Viva il ritorno alle origini.

Procedo quindi al secondo step e il dubbio inizia ad instillarsi nella mia ingenua e facilmente eccitabile mente di neofita. Perchè, digitando Ringana su Google mi capita di imbattermi sì in un sacco di recensioni entusiastiche su numerosi blog (molti dei quali però per me sono come accendere la tv alle tre del pomeriggio e guardare Uomini e Donne ... e da questo commento potete immaginare che opinione io abbia di simili programmi) ma anche di leggere cose che mi sconcertano un po' su alcuni gruppi di discussione/forum che abitualmente consulto (es. L'angolo di Lola).

Del tipo che la dicitura "cosmetici naturali freschi" è una grande presa in giro. E che gli INCI, nonostante le promesse del sito, sono invece pieni di conservanti, sebbene formulati in modo diverso. A proposito, per le formulazioni potete dare un'occhiata sul sito, dove non ci sono INCI propriamente detti ma un elenco di ingredienti (uhm!): ad esempio il latte detergente, contiene quello che viene definito il "decotto speciale Ringana contro le irritazioni cutanee" a base di meliloto, calendula, jojoba), olio di vitis vinifera, olio di mandorle, squalane di oliva, sorbitolo di mais, allantoina, acqua di rose, vitamina E, vitamina C, olio di rose, olio di sesamo.

Insomma, non so se avete mai visto Il Dubbio (pellicola molto bella con un grandissimo Philip Seymour Hoffmann e una meravigliosa e sempreverde Meryl Streep) ma all'improvviso mi sento come la suora del convento a cui è stato detto che il prete che lei tanto stimava è in realtà un abietto pedofilo. La verità non si scopre mai però il dubbio resta.

Nonostante gli interrogativi che affollano i miei stanchi neuroni procedo alla prova. I prodotti sono tutti privi di aroma, con una consistenza piuttosto fluida e un assorbimento facile. Non posso dire che siano dei cattivi prodotti, assolutamente; tra l'altro sono certificati. Un punto a favore di Ringana.

Altra cosa positiva: è evidente che, marketing a parte, l'azienda si vuole porre sul mercato anche per l'attenzione nei confronti dell'ambiente. Il pacco è infatti imbottito con fiocchi di amido di mais, che si possono facilmente smaltire nell'umido e le confezioni sono in cartoncino riciclato. Due punti per Ringana.


Il terzo punto Ringana se lo aggiudica sulla mia pelle, che è particolarmente sensibile. Particolarmente apprezzati sono stati il latte detergente, delicato ed efficace e il tonico, che graziealcielo non contiene alcool, non ha un profumo fastidioso, non secca la pelle.

Insomma, è giusto esprimersi a favore o contro un'azienda o un prodotto: tutto è lecito, in democrazia e sul web ancor di più. Ma, per quanto mi riguarda, Ringana è comunque una realtà da tenere in considerazione, sebbene non assurga nell'empireo delle mie case cosmetiche preferite, e può andare bene sopratutto per chi ha esigenze specifiche e qualche soldino in più da spendere per provare cosmetici comunque nuovi e con un approccio diverso. Nonostante i dubbi.

Riferimenti
Per acquistare i cosmetici l'unico modo è di rivolgersi direttamente al loro sito internet (qui), e fare un'ordine.

I prodotti citati mi sono stati inviati a scopo valutativo dall'azienda. Nessuna condizione è stata posta per l'invio dei prodotti e nessun compenso è stato percepito dalla sottoscritta per la recensione, che rispecchia il mio reale giudizio. 

2 commenti:

  1. Ciao cara! A chi lo dici, anche la mia connessione è un disastro!
    Comunque... Apprezzo l'idea di ingredienti naturali e del rispetto all'ambiente, forse un po' costosa!
    Baci

    Viky --- MySecretFashionPoison

    RispondiElimina
  2. Anche io li ho testati! Mi sono piaciuti molto questi prodotti ^^ cmq bellissima review :)

    RispondiElimina

I feedback sono importanti per migliorare questo blog e io adoro leggere i vostri commenti e le vostre opinioni. Vi prego però di non fare spam lasciando i vostri link: se volete farmi conoscere il vostro spazio, potete mandarmi un messaggio privato e io correrò a leggervi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...