[cestino] À bout de souffle (fino all'ultimo respiro) #19 { prodotti finiti }

4 comments
E insomma, ultimamente sto rivalutando - in negativo - l'opportunità di continuare a pubblicare i post dedicati ai prodotti finiti. Un po' perchè scriverne a distanza di tempo diventa sempre più complicato, nel senso che se non metto nero su bianco subito le mie impressioni poi io le cose me le scordo e buttare giù due righe sul momento non sempre mi è possibile; un po' perchè mi sto convincendo che siano noiosi e che sarebbe molto più intelligente da parte mia farne piccole stories su IG, che però poi dopo 24 ore non le vede più nessuno il che è un bene ma forse anche un male, perchè i post sui prodotti finiti sono sempre utili come recap generale di roba che vale o non vale la pena di comprare. Quindi non lo so. Intanto butto giù due righe sulla paccottiglia del bimestre trascorso, che avevo già scattato ed editato le foto (malissimo però) e odio fare lavori a matùla, ma sarò breve. Breve ma intensa, come le migliori storie d'amore.


Così, per iniziare, l'Addolcilabbra di Alkemilla avvvaniglia, come direbbe quella nota tubera napoletana che sconosce - è evidente - l'importanza nella lingua italiana delle preposizioni articolate. Qui a Roma il burrocacao è uno dei miei prodotti indispensabili, perciò ne faccio fuori a dozzine e questo mi è piaciuto abbastanza, in termini di idratazione e anche di profumazione, da poterlo tranquillamente riacquistare (magari provo altro gusto però). Qui ci sono le specifiche, insieme a quelle di altri burri per labbra di eoni fa.


Il Bagnodoccia alla liquirizia di Phedea, brand ecobio che ho beccato al Conad (già citato nel precedente post dei terminati), mi è piaciuto assai. Perchè ha un buon prezzo, una bella confezione e un profumo che risveglia i sensi la mattina, abbastanza forte e unisex da poter essere tranquillamente usato da tutti i componenti della casa.


I due shampoo Gyada Cosmetics* me li ero portati su da Palermo e mi hanno fatto compagnia per un bel po'. Normalmente avrei usato solo la versione volumizzante, che i miei capelli più allungano più si appiattiscono, ma qui a Roma ho davvero seri problemi di gestione delle chiome e quindi ho spesso alternato anche l'anticrespo. In entrambi i casi comunque ho sempre bisogno di un buon balsamo di accompagnamento, perchè gli shampoo di Gyada hanno tante belle funzioni, ma non li trovo particolarmente idratanti e districano il resto di nulla. Anyway, ne ho parlato in dettaglio qui, con INCI, prezzi e blablabla.


Ecco, a proposito di balsamo: mi sono ritrovata a tessere le lodi di quello Cedro e Finocchio per capelli deboli e sfibrati di Alkemilla*. Finora l'avevo sempre snobbato e ho fatto male, perchè ha ottime perfomances e si è rivelato un validissimo alleato contro la secchezza delle mie lunghezze e l'unico difetto che gli trovo è che sia un tantinello troppo corposo (va quindi dosato con attenzione, seguendo la filosofia del less is more). Grazie a VerdeMondo per avermelo fatto provare: qui il post dedicato a questo e-store e la descrizione delle caratteristiche del balsamo.


Sempre di Alkemilla e sempre grazie a VerdeMondo, ho provato, apprezzato e terminato il Detergente Intimo alle 7 erbe officinali*, anche lui descritto qui. E' ottimo, forse uno dei migliori finora adoperati per il mio intimate wash: quando l'ho usato mi sono sentita sempre bella fresh per tutto il giorno e l'unico rimpianto è averlo terminato troppo in fretta.


Per il momento schifezze (ma dal packaging così carino che gli si perdona tutto il resto): non l'ho terminata, propriamente, ma diciamo ... riciclata. Questo pandino delicious, che avevo acquistato all'OVS e che si schiera nella grande invasione coreana sotto il vessillo del brand Oh K!, conteneva una crema mani dall'INCI semipessimo. Io l'ho acquistato perchè ai fake delle robe di Tony Moly non riesco a resistere, soprattutto se costano molto meno degli originali, ma poi la crema l'ho gettata nel wc e mi sono tenuta il pandino, riciclandolo come porta anellini, che in effetti mi mancava qui a Roma. Ovviamente ne sconsiglio l'acquisto, a meno che non lo si desideri come oggetto in sè, nel qual caso approvo su tutta la linea.


Bella sorpresa con il Sensitive Deo Vapo alla rosa centifolia di Phytorelax (€ 6,90), deodorante green certificato Cosmos Natural e Vegan OK finalmente nella  tipologia che piace a me (spray!). Formula delicata senza gas, alcool e sali di alluminio, privo di traspiranti, ha un’ottima efficacia e non mi crea alcun problema di irritazione. L’INCI, con l’unica eccezione dell’Isogeunol, è buono; inoltre è facilmente reperibile, il che è un valore aggiunto e ha un’ottima durata (non ho riscontrato nessun problema di “puzze” sospette) e lo promuovo decisamente: 9 e 1/2, da riacquistare.

Colpevole di non avergli dedicato un post, di non avere scattato una foto decente nè di averne tessuto le lodi mentre lo utilizzavo, proverò a rimediare ora a proposito del siero viso concentrato all'acido ialuronico - linea Hydro Avena sempre di Phytorelax. Leggero al tatto e sul viso, di veloce assorbimento, ha una texture lattiginosa e una formulazione che la mia pelle ha gradito tantissimo, donandole conforto e idratazione. In più ha un profumo buonissimo: sa di bimbi piccoli, di fiori delicati e un po' anche di galatine.


Cado spesso in tentazione da Sephora e anche sui prodotti targati dalla stessa catena che di solito hanno INCI pessimi cedo sovente perchè, tutto sommato, hanno un che di accattivante. Stavolta però è proprio un WIN! perchè le salviette struccanti all'acqua di cocco, oltre ad avere una profumazione buonissima (di cocco of course) e a struccare discretamente, hanno anche una formulazione che mi ha stupita perchè più che accettabile. Anche se costicchiano (€ 5,90) mi sa che al prossimo giro nello store le ricompro.



Per la sezione extra, cosedicasa: MyFragances Milano è stata una bellissima scoperta nel 2017 (gli ho dedicato un lungo post qui) ma senza ombra di dubbio la cosa che più mi è piaciuta - tra quelle provate - di questo brand, sono i profumi per tessuti ed in particolare quello per cuscino nella versione pure linen*. Io sono una casalinga davvero scarsa e poco volenterosa, ma da quando ho iniziato ad usarlo rifare il letto, fare arieggiare la stanza e dare una spruzzatina sul cuscino è diventato un amorevole rito e mi ha fatto pregustare il momento in cui la sera avrei poggiato le stanche membra sul materasso respirando questo profumo di buono e antico.


Orbene, fanciulline d'oro, anche per questo episodio io avrei esaurito i miei commenti non richiesti. Mediterò se portare avanti questa serie - ma voi fatemi sapere che ne pensate e se debba interromperla o meno! - e come sempre sono a vostra disposizione per curiosità o informazioni aggiuntive!
Stretta la foglia, larga la via, dite la vostra che ho detto la mia!

* prodotti ricevuti a scopo valutativo dall'azienda



4 commenti:

  1. A me piacciono questi post carrellata prodotti è su Ig le storie snob le guardo mai..

    RispondiElimina
  2. A me questi post piacciono molto e tra il deodorante e i profumi per tessuti mi hai dato degli spunti interessanti

    RispondiElimina
  3. A me piace tantissimo il balsamo al finocchio di Alkemilla. Uno dei migliori provati. E poi adoro proprio la profumazione.
    Mi piace molto il detergente intimo, sempre di Alkemilla, ma lo trovo un po' troppo profumato per i miei gusti.

    Bacioni

    RispondiElimina

I feedback sono importanti per migliorare questo blog e io adoro leggere i vostri commenti e le vostre opinioni. Vi prego però di non fare spam lasciando i vostri link: se volete farmi conoscere il vostro spazio, potete mandarmi un messaggio privato e io correrò a leggervi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...